Acaya: il borgo medievale nascosto nel cuore del Salento

Il piccolo e sconosciuto angolo di medioevo ancora intatto nel tempo

Il Salento è pieno di piccole perle meravigliose da scoprire, una di queste è il borgo di Acaya, una piccola cittadina fortificata di 450 abitanti, frazione di Vernole in provincia di Lecce.fortezza di Acaya borgo

La fortezza è stata costruita nel XVI secolo ed è un esempio di architettura rinascimentale con schema vario a maglia ortogonale, un luogo al di là del tempo a soli 5 km dal mare e a 10 km da Lecce.

Nei prossimi paragrafi faremo un viaggio tra quelle mura antiche per capire come sono nate.
Scopriamo insieme il borgo di Acaya nel Salento.

Una fortezza a pochi passi dal Mediterraneo

Il borgo di Acaya è l’unica fortezza rinascimentale ad aver conservato il suo stato originale perfettamente intatto, per questo è in grado di darci una visione completa delle architetture del XVI secolo.Castello di Acaya

Per la sua posizione strategica a pochi chilometri dal Mar Adriatico, questo luogo ha sempre avuto un ruolo fondamentale per la difesa del territorio salentino sin dalla fine del Medioevo.

La caratteristica principale delle mura di cinta del castello, è che sono realizzate in pietra leccese. La porta d’ingresso è stata costruita nel 1535 in perfetto stile rinascimentale, sulla facciata spiccano gli stemmi delle famiglie che vissero nel borgo e la statua di Sant’Oronzo, protettore di Acaya.

Le origini della famiglia Acaya

Un nome che spicca tra gli altri è quello di Gian Giacomo dell’Acaya, un famoso ingegnere del medioevo specializzato in progettazione e costruzione di fortezze. Fu proprio lui a completare il castello di Acaya e il lavoro delle cinte murarie iniziato dal padre Alfonso.Castello di Acaya

Per volere di Carlo V che stava fortificando la zona in quel periodo, Gian Giacomo fortificò la parte centrale del castello costruendo la cinta muraria e il fossato, aggiungendo bastioni e baluardi.

La fortezza prese il nome Acaya dalla famiglia che ne avviò e completò la costruzione. Non solo.

La famiglia Acaya riuscì in soli tre lustri a trasformare il piccolo casale Segine (così si chiamava prima) in un imponente feudo la cui famiglia dava il nuovo nome.

Acaya: un ricordo rinascimentale nell’eternità del tempo

La porta d’accesso del Borgo con la statua di Sant’Oronzo è uno splendido esempio di architettura rinascimentale delle più eleganti, l’imponenza e lo slancio della costruzione vi daranno il benvenuto nel Borgo.Acaya porta di ingresso

Le strade sono tutte parallele e vanno tutte nella direzione da sud a nord. In totale sono sei le strade principali, larghe 4 metri e della distanza di 17 metri; la lunghezza è quasi uguale per tutte.

La cinta muraria chiude il borgo tra tre bastioni imponenti ed è interrotta solo dall’entrata con la statua di Sant’Oronzo a vegliare sulla struttura. Il Castello è abbellito dai baluardi con i segni del tempo e degli attacchi subiti dalle artiglierie.Castello di Acaya

Questo Borgo nel Tacco dello Stivale rappresenta con tutta la sua forza le origini culturali del patrimonio storico italiano, a pochi passi da Lecce si potrà visitare questa meraviglia dell’ingegneria medievale, una fortezza che ancora conserva i colori e gli ambienti di quel tempo in maniera eccellente.

Scoprire il borgo di Acaya nel Salento sarà una delle esperienze più uniche del vostro viaggio che costituirà un ricordo nitido di tempi mai vissuti ma che sono ancora presenti attraverso le antiche costruzioni presenti su tutto il territorio italiano.

Scoprire Acaya è come vivere il ricordo rinascimentale attraverso l’eternità del tempo.

L’oasi delle Cesine e l’Acaya Golf Club

Nei pressi di Acaya è situata la Riserva Naturale de Le Cesine, costituita da dune, una pineta, una zona coltivata, folte aree di macchia mediterranea e l’area palustre.

Istituita nel 1978 è gestita oggi dal WWF.Acaya Golf club

Acaya è conosciuta soprattutto dagli amanti del golf, infatti proprio qui è presente uno dei migliori campi da golf della Puglia: Acaya Golf Club (Dispone di 18 buche, par 71, tutte incastonate in uno scenario da favola), immerso nella natura e nel benessere crea un piccolo angolo di paradiso, ed attrae molti turisti alla visita della vera attrazione: il borgo di Acaya.

Condividi questo articolo:

Acaya: il borgo medievale nascosto nel cuore del Salento

icon-car.pngKML-LogoFullscreen-LogoQR-code-logoGeoJSON-LogoGeoRSS-Logo
Acaya

Caricamento delle mappe in corso - restare in attesa...

Acaya 40.334476, 18.297700 Acaya Il borgo del Salento fermo nel tempo

Iscriviti alla Newsletter: