Parchi americani: dove si trovano, come e quando visitarli, prezzi e info sui parchi nazionali USA

6 Parchi USA da visitare: informazioni e dettagli per una visita dei parchi nazionali in America…

Organizzare un viaggio tra i parchi americani, quasi sempre significa viaggiare nell’Ovest degli Stati Uniti, il luogo in cui ci si può concedere la possibilità di visitare luoghi magici e speciali, diversi rispetto a quelli a cui siamo abituati in Europa, con la natura più incontaminata che dà il meglio di sé ed esplode in tutta la propria bellezza all’interno dei parchi nazionali dell’USA principali. Parchi americaniIl vero tratto distintivo di queste lande, però, è rappresentato dalla libertà, tra rocce rosse che si dipanano tra l’Arizona e lo Utah, tra il Nevada e la California. Decidere come programmare l’itinerario richiede di valutare non solo i propri interessi e le proprie curiosità, ma anche la quantità di tempo che si ha a disposizione.
In genere, il percorso più comune inizia con alcuni giorni in California: si potrebbe cominciare da San Francisco per passare, poi, ai parchi di Yosemite e di Sequoia, fino ad arrivare alla Death Valley, la Valle della Morte. Ma i parchi americani non sono solamente questi, essendo tantissimi e di varie entità.
In questo articolo vi vogliamo descrivere i parchi americani più belli e particolari, con le loro caratteristiche e peculiarità, passando però anche tra i consigli per la visita di essi. Il clima, le modalità di accesso, il visto, sono solamente alcune delle indicazioni da tenere in considerazione… per cui iniziamo il nostro viaggio virtuale tra i parchi nazionali dell’USA più belli da visitare!


Parchi americani


Aeroporto di arrivo, visto e informazioni per la visita turistica

Grazie all’ESTA è possibile viaggiare negli Stati Uniti senza visto, a patto che il soggiorno americano non duri più di 90 giorni consecutivi, tempo più che sufficiente per andare alla scoperta, per esempio, di Las Vegas, prima di dirgersi verso il Grand Canyon e il Bryce Canyon. Sono questi gli spazi tipicamente western americani, insieme con i parchi di Canyonlands e Arches, Lake Powell e la Monument Valley: in linea di massima un paio di settimane dovrebbero essere più che sufficienti per conoscere tutto quel che c’è da scoprire, fermo restando che la varietà di paesaggi è tale che qui si potrebbero trascorrere addirittura degli anni avendo la certezza di trovare sempre qualcosa di nuovo da esplorare.

Per quanto riguarda invece l’aeroporto di riferimento più vicino per la visita dei parchi nazionali degli USA, non è detto che l’aeroporto di Los Angeles o quello di San Francisco siano gli scali migliori a cui fare riferimento: tutto dipende dall’itinerario che si è scelto di seguire, tenendo presente che ormai dappertutto è possibile noleggiare una macchina con cui muoversi in autonomia. Chi sceglie il grande West, per esempio, dovrebbe puntare sull’aeroporto di Las Vegas, che per altro è collegato con l’Europa anche tramite voli diretti, ma sono diversi gli aeroporti internazionali tra cui scegliere: quello di Denver nel Colorado, quello di Salt Lake City nello Utah e quello di Phoenix in Arizona.

Infine, parlando del ticket d’ingresso per i parchi, è possibile valutare l’opzione dell’annual pass, un ticket annuale utile per risparmiare visitando i vari parchi nazionali americani. Si può acquistare al costo di 80 dollari ed è consigliato quando si ha in mente di entrare in almeno 4 parchi nazionali degli USA, considerando che il costo comprende l’accesso in auto a prescindere da quante persone ci siano al suo interno. Questa tessera garantisce l’accesso a tutti i parchi americani, oltre che a tutti i monumenti nazionali. Ci sono, comunque, alcune eccezioni e limitazioni (sono esclusi dal National Parks System l’Antelope Canyon e Monument Valley, il che vuol dire che qui gli ingressi devono essere pagati a parte).parchi americani

Ulteriori escursioni e luoghi della California dove andare…

Una delle migliori escursioni a cui vale la pena di dedicarsi è quella del parco nazionale americano di Bryce, con il Navajo loop trail che permette di arrivare tra i pinnacoli e avere una visione differente dei parchi americani. Nel caso in cui si stia visitando il parco nazionale di Zion, invece, è consigliabile una tappa alle Narrows, gole ch consentono di camminare nel fiume da una riva all’altra (ovviamente c’è bisogno di specifici calzarmi termici che possono essere noleggiati in loco). Per apprezzare un panorama straordinario c’è l’Angel’s Landing, mentre Arches propone numerosi archi da ammirare al tramonto. A proposito della Monument Valley, invece, si può anche decidere di dormire una notte nelle cabins situate davanti alle rocce, a patto di avere a disposizione un budget abbastanza consistente. In qualsiasi caso non si può andare via dagli Stati Uniti senza aver prima visitato il museo del Goulding’s Lounge, che ripercorre la storia “cinematografica” della location. In Colorado, invece, si può far tappa a Mesa Verde, dove ci sono, nei canyon dentro la roccia, le rovine delle comunità native.
Infine, tra gli altri luoghi in cui andare in California, c’è da soffermarsi sulle tappe nella costa settentrionale, soggiornando a Mendocino – località ben nota a tutti gli appassionati della signora Fletcher – o nello splendido parco nazionale americano di Redwood, che accoglie sequoie millenarie. Gli amanti del vino, invece, non possono fare a meno di visitare i celebri e profumati vigneti della Napa Valley.


L’articolo firmato TipInTravel dedicato ai parchi naturali dell’America si conclude qui. Come avete visto, per quanto riguarda i parchi nazionali USA e America in generale, offrono diverse alternative, quelli che vi abbiamo citato sono solamete i più famosi parchi americani, ma ne esistono veramente molti da visitare, maggiori e minori, in ogni angolo dell’America e degli Stati Uniti. Pertanto, prima di organizzare il vostro tour on the road, vi consigliamo di studiare bene il vostro itinerario, per non rischiare di perdere tappe fondamentali del vostro viaggio!

Dopo aver visitato i parchi americani o qualsiasi altro luogo del mondo vi indichiamo che potreste parlarne a tutti fornendo informazioni e consigli aggiuntivi! TipInTravel infatti mette a disposizione un’intera sezione dedicata ai racconti di viaggio degli utenti! Clicca qui per saperne di più ed inizia subito a raccontare i tuoi viaggi nel mondo!

Infine, se volete restar aggiornati con le offerte, le iniziative e le guide di TipInTravel potete seguirci sulla nostra pagina Facebook: TipInTravel – Quando vivere significa viaggiare… oppure iscrivervi nel gruppo dedicato a chi ama viaggiare su strada: Tipintravel – viaggiare on the road

Articolo scritto da: Redazione

Condividi questo articolo:

Parchi americani: dove si trovano, come e quando visitarli, prezzi e info sui parchi nazionali USA

Iscriviti alla Newsletter:

Facebook Tipintravel

alitalia lavora con noi