Strada della forra (SP38): dove si trova, caratteristiche, informazioni e particolarità

Info e dettagli sulla SP38, la strada delle forre sul lago di Garda

In Italia ci sono strade che sono davvero ammirevoli, e la strada delle forre è senz’altro una di quelle. Sulle sponde lombarde, la provinciale 38 si trasforma d’un tratto in un breve ma intenso percorso tra le gole della montagna e il verde della vegetazione, che collega Tremosine del Garda con il Lago: e tale è l’impatto visivo che rimane impresso nella memoria, che essa ha preso comunemente il nome di strada della forra. strada della forre sp38Sì, perché per pochi chilometri la strada prosegue in un divenire di brevi gallerie di un aspetto ancora grezzo, roccioso, in piena armonia con la natura che la sovrasta. Passare con la macchina all’interno di questi tunnel, scavati nella roccia, dà al viaggiatore la sensazione di entrare dentro la montagna. La strada delle forre è conosciuta a livello internazionale ed è considerata una delle strade più belle al mondo: è stata percorsa da ciclisti, pedoni, automobilisti e personaggi illustri, che non hanno resistito al desiderio di commentare questo posto come un incanto sopra il Lago di Garda.

La fortuna di avere custoditi qua e là per il paese percorsi come la strada delle forre risiede nella capacità di sospendere il tempo, anche solo per un breve tratto, e di entrare con i sensi in una dimensione pregressa e più vicina alla natura. E lungo la strada della forra, la macchina sembra trasformarsi in un carretto del parco giochi che, prima di condurre a destinazione, mostra ai viaggiatori gli angoli più nascosti d’Italia. E per rendere giustizia a questa particolarità del bel paese, celebre al mondo anche grazie al cinema, dedichiamo oggi un approfondimento sulla provinciale del Lago di Garda, scoprendo dov’è che si trova di preciso e quali sono i modi di percorrere la strada delle forre

Storia e costruzione

La storia della strada delle forre risale all’inizio del Novecento, quando le persone al tempo si spostavano da Tremosine sul Garda mediante stradine strette e ancora sterrate, a piedi, con carri o a bordo di muli, lungo le antiche “mulattiere”. Considerata l’estenuante fatica, dovuta ai 414 metri di altitudine del comune lombardo, vi furono diversi progetti che precedettero la costruzione di quel tratto della provinciale 38, che prende oggi il nome di strada delle forre. Ad oggi è considerato un vero e proprio capolavoro ingegneristico, che ha saputo sfruttare un fenomeno naturale di erosione della roccia dovuto al torrente Brasa. I lavori, dopo varie peripezie, furono compiuti tra 1908 e il 1909, inaugurando ufficialmente la strada della forra nel 1913. Il progetto, firmato da Arturo Cozzaglio, fu davvero innovativo, considerando l’alto valore ingegneristico di questa strada, per la quale vennero gettate delle mine per scavare all’interno delle rocce. E il risultato fu ineccepibile: curioso, poi, che la strada venne utilizzata sovente soltanto a partire dal 1931. Il disegno degli ingegneri trova oggi conferma assoluta della validità del progetto: non solo perché quel tratto di provinciale collega Tremosine con il resto dei paesi circostanti, ma perché la strada della forra è diventata una delle strade più belle del mondo, perché è stata costruita con l’idea di conservare parte della sua natura, che si rivela nelle rocce grezze, nel muschio e nella presenza costante del torrente. Un vero e proprio canyon a picco sul panoramico Lago di Garda.


Inizio, percorso e fine. Ecco dove passa la strada delle forre

La strada delle forre è un proseguimento della Strada Provinciale SP38, che parte dal Lago di Garda e arriva fino a Tremosine. La strada della forra tanto rinomata è soltanto un tratto della provinciale, che tuttavia rimane nella sua interezza di indiscutibile bellezza. L’inizio della strada delle forre è l’ingresso da Porto di Tremosine: la salita inizia a districarsi tra le montagne dove è visibile anche il Fiume Brasa e la sua cascata. Dopo qualche chilometro, la strada della forra attraversa il borgo di Pieve dove è custodito uno dei punti panoramici più famosi del percorso, la Terrazza del Brivido che, già dal nome, s’intuisce essere un’esperienza visiva a dir poco emozionante, a picco sul lago.

Dopo una breve sosta mozzafiato (considerata l’altezza di circa 350 metri) la strada delle forre prosegue verso il borgo di Vesio. Per circa 6 chilometri il tratto di strada inizia a farsi più stretto: è qui che inizia la parte più famosa della strada delle forre, dove l’aspetto del canyon si fa più soverchiante ai lati della carreggiata, arricchita dal grigio delle rocce e dal verde degli alberi e dei cespugli: e il cielo sopra ai propri occhi diventa soltanto una piccola porzione. Superato il borgo di Vesio, a circa 1 chilometro, la destinazione della strada delle forre è Tremosine sul Garda, considerabile nel suo complesso un affaccio sullo specchio del lago.

Caratteristiche e particolarità della strada della forra…

La strada della forra, come sottintende la denominazione stessa, è una strada che attraversa il manto roccioso della montagna: forra, infatti, designa una gola profonda e caratterizzata da imponenti alture circostanti, strette, dall’aspetto di una cavità. Non a caso, come narra la storia della strada, la forra è nata proprio dall’erosione delle montagne dovute al corso del Brasa, ammirabile nelle sue “cascate” che scendono qua e là lungo il percorso. Lì dove la strada della forra si fa via via più stretta, quell’idea di entrare nella roccia viene intensificata dall’assetto delle gole, che a malapena consentono la vista del cielo.  Tanto è stretto il passaggio che, nonostante sia a doppio senso di circolazione, la strada delle forre diviene a senso unico alternato gestito da un semaforo. Le “gallerie”, o gole rocciose, sono grezze, non somigliano ai normali tunnel, sono bui e susseguiti da una serie di curve a gomito, via via che si sale a Termosine. Ma dalle curve si ammira il paesaggio unico sul Lago di Garda.itinerari strada delle forre

C’è inoltre da considerare la vegetazione dei monti lombardi e l’assetto pre-urbano dei piccoli borghi che costellano l’area circostante, che disperdono qua e là santuari e statuette della Madonna, protettrice degli automobilisti.

La potenza scenografica di questa strada non è sfuggita certo a chi, di immagini, se ne intende. Nel mondo del cinema la strada della forra diventa set: e ben si presta per action movie come The International o come 007 del personaggio di James Bond.

La strada delle forre, parte della SP38, è molto apprezzata durante il giorno, considerando il gioco visivo che si crea attorno al lago, totalmente visibile grazie alla luce del sole; ma non è affatto da disprezzare in visita serale, grazie all’illuminazione suggestiva creata tra le gole





Auto, moto o bicicletta? Come può esser percorsa la strada delle forre

È giunto il momento in questo articolo di comprendere come percorrere la strada delle forre, considerate le caratteristiche fin qui discusse. La strada della forra è una comune strada a doppio senso di circolazione e ben si presta ad essere percorsa in auto, divenendo un vero e proprio tour panoramico. A velocità moderata, considerando che di tornanti si tratta, è possibile percorrere regolarmente gran parte del sentiero; laddove la strada si fa più stretta nei sottopassaggi della montagna, dei semafori alternano la circolazione in entrambi i sensi di marcia, garantendo maggiore sicurezza stradale.sp38 lago di Garda

Essendo un tour panoramico, e non solo una via di collegamento per Tremosine al resto del circondario, la strada della forra è percorribile in moto: questo tratto della SP38 merita di essere nella lista dei motociclisti, che possono trovare qui un’intima unione con il proprio mezzo e con il resto della natura. La strada, coi suoi tornanti, e con la sua altitudine, si trasforma in una lenta e piacevole ascesa tra le gole, nella odorosa vegetazione boscosa, nel fascino dei borghi, e nelle rinomate vedute panoramiche.

Si può percorrere la strada delle forre in bicicletta? La risposta è sì. La strada della forra è particolarmente amata dai ciclisti e dagli amanti delle lunghe pedalate, perché non solo concede un’escursione tutt’altro che scontata, in termini di esercizio fisico; ma anche e soprattutto per lo scenario e la totale immersione nelle gole della montagna che il percorso restituisce. È infatti un percorso di media difficoltà, specie per chi decide di scalarlo in salita: ma con un po’ di tempo e la giusta sicurezza è senz’altro uno degli itinerari in bicicletta più soddisfacenti. C’è chi, per non incappare in un eccessivo sforzo fisico, e nel traffico che si crea ai semafori, decide di percorrerla soltanto in discesa e godersi il panorama lungo la strada. Qualsiasi sia la scelta, è giusto però prestare la dovuta attenzione alla sicurezza stradale affinché la gita sia divertente, piacevole ed avventurosa, adatta anche alla famiglia! Ricordiamo, infine, che la strada delle forre non può essere percorsa con il camper.

Guarda i prezzi per raggiungere il Lago di Garda in aereo

Opinioni e giudizi di chi c’è stato e perché sceglierla

Per rendere più corposa l’idea della strada delle forre e restituirle la giusta tridimensionalità, troviamo qui di seguito raccolti alcuni dei giudizi espressi in merito da chi, lungo la forra, c’è stato e ne ha apprezzato o meno il percorso. Non solo, ma grazie alle opinioni dei singoli prestate al web, è possibile farsi un’idea personale dell’itinerario e carpirne risposte preventive alla visita.

Ad esempio, Fabio ha apprezzato tantissimo l’intero percorso che dal lago di Garda arriva fino a Tremosine: tuttavia dichiara apertamente che, a rendere piacevole la visita, è stata anche la “bassa stagione” di Marzo, che ha reso il traffico scorrevole senza un eccessivo afflusso turistico.

Per Stefano l’esperienza è stata positiva e suggestiva da fare in moto quando, curva dopo curva, riesci a gustarti tutti gli scorci che l’altitudine propone sul Lago di Garda. Anche un’altra utente conferma l’ebrezza di percorrere la strada delle forre in moto, tuttavia raccomanda di prestare attenzione. Sono in molti sul web, infatti, a suggerire di portare con sé un giubbotto catarifrangente per ogni evenienza, specie negli orari serali, considerando la strettezza delle gallerie.

Damiano sconsiglia ai più di percorrere la strada della forra di domenica, considerando che nei giorni festivi essa si riempie di auto, di moto e di ciclisti; tuttavia, al contrario, c’è chi ha apprezzato una gita domenicale in questo luogo fascinoso, riscontrando una certa giornata straordinaria, dove il tempo sembra sospeso e dà l’opportunità alla famiglia di tornare come per magia a qualche anno indietro.

E, forra a parte, c’è chi non si lascia sfuggire l’occasione di condividere l’esperienza culinaria lungo la strada delle forre: Giovanna consiglia di fermarsi a pranzo al Ristorante pizzeria Brasa dopo un intenso giro in moto; allo stesso modo, Luca consiglia di fermarsi a fare un aperitivo in alta quota sulla Terrazza del Brivido, dove è c’è il ristorante.

Infine, ma non per questo trascurabili, ci sono considerazioni lasciate in eredità da personaggi illustri ed eccentrici, che di certo lasciano intendere quanto un luogo possa intrigare e rimanere impresso, al punto da voler condividere tale impressione. È il caso di Winston Churchill che, come in realtà è risaputo, un tempo ha definito la strada delle forre l’ottava meraviglia del mondo. Insomma, dovrà pur esserci un motivo valido per cui la forra viene scelta come location perfetta per film e spot pubblicitari. Perciò non resta che scoprirlo!


Come in ogni articolo che giunge al termine, sale la voglia di prendere il primo mezzo e andare a visitare ogni parte di questo mondo. La strada delle forre è un percorso incredibile, e che non deve mancare nella lista delle cose da vedere al Lago di Garda. Specie se gli scorci tra i monti, a picco sul lago, circondati dal verde di alberi e arbusti, soddisfa il desiderio di una vista amante della natura, e dell’incontro della natura con il lavoro dell’uomo. Perché l’uomo, quando conosce la terra e la rispetta in quanto protagonista assoluta, può solo che metterne in risalto la sua bellezza, offrendo meravigliose finestre dalle quali poterla ammirare. E la strada delle forre, con il suo breve tratto, è in grado di offrire un’esperienza simile. E poi, come mettere in dubbio le considerazioni dei diversi personaggi e testimoni sopra descritti!

L’approfondimento sulla strada della forra si conclude qui, dove ci si augura possa essere un valido stimolo per prendere il mezzo che più si preferisce, e percorrere quella che su scala mondiale viene considerata una delle strade più belle, la strada delle forre. Buona vis(i)ta!sp38 strada della forra

Dopo aver visitato la Strada delle forre o qualunque altro posto del mondo vi indichiamo che potreste anche pensare di parlarne a tutti fornendo informazioni e consigli aggiuntivi! TipInTravel infatti mette a disposizione un’intera sezione dedicata ai racconti di viaggio degli utenti! Clicca qui per saperne di più ed inizia subito a raccontare i tuoi viaggi nel mondo!

Infine, se amate viaggiare e girare il mondo, per restar sempre aggiornati con le offerte, le iniziative e le guide di TipInTravel potete seguirci sulla nostra pagina Facebook: TipInTravel – Quando vivere significa viaggiare… oppure iscrivervi nel gruppo dedicato a chi ama viaggiare su strada: Tipintravel – viaggiare on the road

Condividi questo articolo:

Strada della forra (SP38): dove si trova, caratteristiche e informazioni

icon-car.pngKML-LogoFullscreen-LogoGeoJSON-LogoGeoRSS-Logo
Strada delle forre SP38

Caricamento delle mappe in corso - restare in attesa...

Strada delle forre SP38 45.773957, 10.766035 Strada delle forre (SP38) Dove si trova, caratteristiche e informazioni

Facebook Tipintravel

Iscriviti alla Newsletter:

spiagge della Giannella Argentario

Spiagge della Giannella (Argentario): visita, info e spazi migliori

strada della forre sp38

Strada della forra (SP38): dove si trova, caratteristiche e informazioni

Marina di Alberese Grosseto

Marina di Alberese (Grosseto): spiaggia, ingresso e informazioni

Potrebbe interessarti anche:

Viaggiare on the road

Il viaggio on the road, un’esperienza unica da condividere in pochi amici, scopri come organizzarti, itinerari da seguire e come preparare tutto l’occorrente per un viaggio perfetto… CONTINUA A LEGGERE


Racconti di viaggio

Viaggiare è l’esperienza più incredibile che possiamo fare nella nostra vita, quando si rientra a casa dopo un’avventura si vorrebbe raccontare a chiunque l’esperienza vissuta, ma spesso non è possibile… questa sezione è dedicata ai racconti degli utenti, scopri come raccontarci la tua esperienza e vincere premi quando vengono messi in palio… CONTINUA A LEGGERE


Idee per viaggiare

Tantissime idee e consigli per viaggiare nel mondo ed avventurarsi alla scoperta di nuovi posti, ma anche tante idee per godersi un pò di relax o divertirsi all’insegna di sport ed attività varie… CONTINUA A LEGGERE


Promozioni e offerte nel mondo

Il mondo del turismo è sempre in espansione e con l’arrivo della tecnologia si rivoluziona ogni giorno che passa, sono tante le aziende e compagnie aeree che offrono sconti, offerte e promozioni, visita la nostra sezione per vedere quelle del momento… CONTINUA A LEGGERE


Cerca per città

Il team di TipInTravel lavora costantemente per far crescere il numero di guide e consigli per viaggiare in tutto il mondo, se stai per partire e vuoi seguire una guida o scoprire le curiosità del posto cerca la tua destinazione e vedi se TipInTravel ha qualcosa per te… CONTINUA A LEGGERE


Articolo scritto da: Emily Pomponi